Il Menù

Il Menù

Aprendo il menu di Primo Osteria si percepisce una chiarezza d’intenti espressa proprio dall’ordine mentale e dal rigore con cui vengono esposti i piatti. La carta è, quindi, suddivisa per titoli e si parte con degli elementi vegetali, Né carne né pesce: Uovo croccante in pochè, parmigiano e tartufo, Tempura di verdure di stagione, mayonese al basilico e salsa agrodolce,  Melanzana ripiena, Gnocchi di latte cagliato di capra, crema di cipolla rossa caramellata e verza croccante. A seguire, vengono introdotti i Crudi, questa volta sia di carne che di pesce, e ancora i Plateau; infine, altri piatti che sono menzionati per tipo di preparazione e tecnica. Quindi, si hanno le Marinature, come nel caso di Sgombro, Carpaccio di salmone e Millefoglie di petto d’anatra oppure le Cotture a bassa temperatura con il Filetto alla Wellington, la Coscia di pollo farcita, la Pancia di maialino da latte, il Calamaro ripieno, il Polpo croccante e il Tonno in olio cottura. I primi sono divisi tra Pasta fresca sia base acqua e farina che formati all’uovo; la Pasta secca che utilizzano è dell’azienda laziale Lagano con cui condiscono gli immancabili romani come “Sua maestà” la Carbonara, un piatto imperdibile se si mangia da Primo che si presenta avvolto in un cremoso spaghettone, l’Amatriciana con le maniche, mentre i bucatini sono per la Gricia di mare con il polpo. Gli altri carboidrati si ritrovano alla voca Riso con la versione risottata di rucola, pesto di noci e fonduta di provolone piccante oppure nel Riso al salto con zafferano,ricci di mare e gremolada. Si chiude in Dolcezza con Sferamisù, Banana, arachidi e caramello salato, Marron Glacé, Bignè pistacchio di Bronte e arancia e il Magnum di Primo. Nota di merito per la preparazione dei lievitati di propria produzione che accompagnano il pasto: a tavola arriva ancora calda una pagnotta ai cereali, più fette di un filone e nel cestino del pane anche crackers home-made.

La carta dei vini conta circa 60 etichette e la divisione non è per tipologia ma asseconda la provenienza geografica dei vitigni e i nomi dei produttori.

Inoltre, se non ci fosse l’unanimità al momento dell’ordine, Primo Osteria offre ai suoi commensali la possibilità di provare menu degustazione diversi anche in uno stesso tavolo: 3 portate (30€), 4 portate (45€), 7  portate (60€).

Scarica qui il nostro menù »

Scarica qui la carta dei vini »